Questo sito web usa i cookie. I cookie aiutano il sito a fornire servizi di qualità: navigando sul sito accetti il loro utilizzo.

Ristorante dell'hotel Giulia aperto agli esterni, sul lungomare, rappresenta il top che mancava: chef Fabrizio Schiattarella ha saputo creare un menù accattivante nel quale mixa creatività e prodotti (pesce fresco locale, frutta e verdura delle colline lucchesi) del territorio. Buona la carta dei vini.

  • Leggi anche: Ghigo e Amuerte: una degustazione speciale, la mia esperienza in occasione dell'evento speciale con menù di 6 portate abbinate ciascuna ad un cocktail a base di gin Amuerte con foglie di coca peruviana.

Sono finalmente andao a provare il ristorante di Cristiana Gemignani e del figlio Luca Buonaccorsi, dopo che lo scorso anno a fine estate ne avevo semplicemente provato i dessert (e mi avevano colpito molto).

Capitati all'improvviso (ero con un amico), poco prima di cena e senza prenotazione, abbiamo trovato il locale al completo: ottima cosa per il ristorante, meno per noi ma non certo per colpa loro... poi la gentilissima titolare ci ha trovato un tavolino, chiedendo uno sforzo allo chef che ci ha accontentati: un applauso! In ogni caso vi consigliamo la prenotazione (non è uno di quei posti in cui si va alla cieca e si trova senza posto, anzi... anche perchè hanno pochi coperti con l'obiettivo di curare il servizio in maniera attenta).

Che tipo di cucina troverete al Ghigo? Senz'altro sapranno stupirvi: un ristorante così a Lido di Camaiore mancava perchè ci sono ottimi ristoranti di pesce ma non ce n'era nemmeno uno che offrisse una cucina creativa, che tenta di avvicinarsi agli stellati (e migliorandosi ancora secondo noi può ambire ad ottenere una stella Michelin) sia per la scelta oculata delle materie prime sia per la presentazione dei piatti e la bontà degli stessi.

Come antipasto ho preso il crudo di mare con pesce freschissimo e frutta esotica serviti in abbinamento a due deliziosi sorbetti alcolici che esaltano il sapore del piatto: suggerisco di fornire al cliente anche un cucchiaino dato che piano piano il sorbetto si squaglia e dopo un po' non è quindi semplicissimo mangiarlo.

Uno dei piatti più interessanti, sia per la presentazione spettacolare sia per la creatività nell'abbinamento degli ingredienti sia nelle consistenze e nei colori (perchè come sempre anche l'occhio vuole la sua parte), sono state le capesante tostate al burro con confettura di pomodoro amalfitano, polvere di pane alla pizzaiola, gelatina al limone, crescione di affila (una pianta aromatica dalle proprietà depurative) e fico confit: sicuramente il piatto che ci ha più stupiti e che ha catturato il nostro palato!

Per i primi abbiamo scelto i tagliolini con bisque di crostacei, riccio e consommé di astice e i paccheri di Gragnano in doppia cottura ripieni di ricotta mantecata e gamberi viola crudi, con polpo verace e salsa alla Luciana.

Passiamo ai dessert. Di seguito la descrizione dei due scelti, qui intanto la foto del predessert offerto dallo chef.

Vietato fumarlo è un "sigaro" di cioccolato fondente con ripieno di crema aromatizzata al tabacco, servito in posacenere dall'effetto scenografico e abbinato ad un bicchiere di rum: lo avevamo già preso lo scorso anno, lo abbiamo ripreso!

Il secondo dessert è stato Saturno: almeno uno... ve lo lascio da scoprire senza dirvi cos'è, guardate l'ultima foto in fondo all'articolo!

La cena è stata accompagnata da una bottiglia di Blangé, un Langhe D.O.C. Arneis (in purezza) 2016 prodotto da Cereto con note fruttate, perlage leggero, sapido, con un colore giallo paglierino molto chiaro e una buona mineralità.

Il ristorante Ghigo si trova a Lido di Camaiore (Lucca) in Viale Ermenegildo Pistelli, 77 proprio di fronte alla passeggiata a mare (telefono: 388.8851947 - Sito internet: www.ghigoristorante.it - Pagina Facebook).

Il conto è stato elevato ma in linea con la qualità offerta: 78 euro a testa comprensivo di acqua, vino, 2 bicchierini di Muffato della Sala e caffè.

(Il Conte in Toscana, 27 maggio 2018. Scopri: I Ristoranti del Conte)

RIPRODUZIONE RISERVATA


SEGUI IL CONTE SU FACEBOOK