Questo sito web usa i cookie. I cookie aiutano il sito a fornire servizi di qualità: navigando sul sito accetti il loro utilizzo.

vivere saniVi racconto le 10 regole che seguo come stile di vita per vivere sani (almeno) fino a 120 anni. E ne sono convinto... perché l'importante è essere convinti!

  1. ALIMENTAZIONE - Al supermercato cerco di comprare quasi sempre cose sane: prodotti biologici, zucchero di canna integrale grezzo al posto dello zucchero bianco raffinato, pane e pasta integrali, molta frutta e verdura, acqua con basso residuo fisso, marmellata senza zucchero (ne ho trovate di buonissime!), biscotti con zucchero di canna (qualcuno ne conosce con zucchero di canna integrale? Siete pregati di segnalarmeli), poca carne e di qualità, olio extravergine di oliva, ogni tanto pesce, legumi, . Zero affettati, zero salumi, zero merendine e bibite zuccherate. Birra soltanto artigianale, vino di qualità (preferisco bere una bottiglia di Brunello di Montalcino -immensa soddisfazione- al mese piuttosto che bere vino da due euro tutti i giorni per ritrovarmi con un saporaccio in bocca e, dopo, anche con l'acidità di stomaco). 

  2. APPARATO DIGERENTE - Bevo 10 ml di succo di aloe vera ogni mattina, dopo aver fatto yoga. Ho eliminato quasi del tutto affettati e insaccati (li mangio solo in rare occasioni, proprio se capito in qualche ristorante che ha qualche bel prosciuttino di maiale dei Nebrodi, di lardo di colonnata, di finocchiona speciale). Carne bianca e rossa: una volta a settimana (meglio se è una bistecca di Chianina). Quando friggo lo faccio in maniera soft: olio extra vergine d'oliva e un po' di acqua... viene una frittura magnifica e leggerissima! Due volte al giorno prendo anche un cucchiaino di semi di psillio con un bel bicchiere di acqua.

  3. CERVELLO - Quasi tutti i giorni mangio qualche noce (ottime per il contenuto di Omega 3 e vitamine B ed E), mirtilli (o comunque frutti di bosco come more e lamponi), pomodori (ricchi di licopene che prevengono malattie come Alzheimer e tumori), due quadretti di cioccolato (ovviamente fondente e minimo al 70% di cacao che contiene flavonoidi e antiossidanti e in più migliorano l'umore). Qualche volta la sera prendo il tè verde che rallenta l'invecchiamento e grazie ai polifenoli combatte i radicali liberi.

  4. ENERGIA - Qualche bacca di goji ogni giorno (troppo buone, le adoro), ogni tanto un misurino di ginseng e soprattutto... pensiero positivo sempre!

  5. FEGATO - Mi faccio una bella spremuta di limone quasi tutti i giorni... un bel limone si Sicilia, mia terra d'origine, e via! Depurazione del fegato quotidiana! In più, quando capita, a cena una bella insalata con aglio e cipolle... se non andate a letto soli, meglio cuocerli prima! ;)

  6. PELLE - Ho risolto tutto con il gel di aloe vera. Per dermatiti, arrossamenti e pelle secca uso il gel di aloe vera. Al posto del gel per capelli? Gel di aloe vera: funziona perfettamente, non unge e non emana cattivo odore. Dopobarba: niente di artificiale, normalissimo gel di aloe vera che ha funzione rigenerante, nutritiva e idratante. Prendo il sole con protezione 30, in caso di scottature (se per caso mi dimentico della protezione) uso sempre il gel di aloe vera. Niente lampade e solarium... li lascio agli pseudo fighettini che devono farsi vedere "neri" anche a febbraio altrimenti non riescono ad uscire con una donna.

  7. POLMONI - Non ho mai fumato in vita mia e faccio 30 minuti di yoga ogni mattina appena alzato, dopo aver bevuto solo un bicchiere di acqua.

  8. RENI - Mangio almeno tre volte a settimana legumi (ceci, fagioli, fave), non uso sale aggiunto (tranne per cuocere la pasta) e mangio principalmente pane e pasta integrali. Bevo un paio di litri di acqua al giorno (e comunque non esagero perché l'acqua è già presente anche in molti alimenti come ad esempio la frutta).

  9. SONNO - Il riposo notturno deve essere per me totalmente rilassante e rigenerante: per questo tengo lontano dalla camera da letto qualsiasi apparecchio tecnologico come cellulari, televisione, computer. Qualsiasi cosa possa interferire anche solo minimamente con le sue onde elettromagnetiche, luci e suoni disturbando il mio sonno è bandito.

  10. SPORT - Non faccio sport. Direte voi: che regola è? Sbagliata, infatti dovrei fare un po' di sport... intanto ho cominciato ad organizzare La Corsa degli Zombi, poi si vedrà di passare alle vie di fatto e correre oltre che fare l'organizzatore di eventi sportivi goliardici!
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si avvisa il lettore che quanto pubblicato sul sito www.ilconteintoscana.it è frutto di libere interpretazioni amatoriali ed ha pertanto puro scopo narrativo non intendendo sostituire in alcun modo pareri medici e/o di professionisti del settore che sono gli unici a poter garantire corrette indicazioni alimentari, dietetiche e/o terapeutiche. In nessun caso gli autori dei contenuti pubblicati su www.ilconteintoscana.it possono in alcun modo ritenersi responsabili per qualsiasi eventuale danno anche solo collegabile all'uso di tali contenuti. In nessun caso garantiamo la correttezza delle informazioni contenute sul sito né l'assenza di errori.

CastelfalfiL'ambiente è il luogo in cui viviamo, esattamente come la propria abitazione: gettereste mai sigarette in terra dentro casa vostra o vecchi elettrodomestici nel proprio giardino, in cui giocano i vostri figli? Quando inquinate state facendo proprio questo: sputate (nel vero senso "fisico" della parola) nel piatto in cui mangiate.

Ovviamente fare tutto ciò che servirebbe per proteggere la natura è, per ciascuno di noi, quasi impossibile: nella vita frenetica di tutti i giorni essere davvero attenti ad ogni nostra singola e più piccola azione è difficile perché abbiamo mille cose a cui pensare. Non dico che si possa fare tutto, però potete almeno scegliere di mettere in pratica qualche azione quotidiana (1, 3, 10... quante volete voi basta che il numero non sia zero!) volta ad aiutare l'ambiente nel vostro piccolo.

Queste per esempio sono quelle che ho scelto io:

  1. AUTO - Non getto mai cose dal finestrino: mai e di nessun tipo. Un'altra abitudine che ho preso è quella di spegnere il motore dell'auto quando sono fermo ad un passaggio a livello: noterete facilmente che gli altri, intorno a voi, restano in attesa del passaggio del treno con il motore accesso inquinando inutilmente l'aria che respiriamo.

  2. CORRENTE ELETTRICA - Girare per casa lasciando dietro di voi le luci accese è un'azione dannosa tanto per l'ambiente quanto per il vostro conto in banca! Fate come me: click-clack. E' un'operazione che non costa nulla, riduce l'inquinamento e tiene persino allenate le dita!

  3. DENTI E DOCCIA - Quando ci laviamo i denti spesso teniamo aperta l'acqua corrente quando invece la potremmo chiudere per riaprirla solo ai fini del risciacquo della bocca al termine dell'operazione. Stessa cosa per la doccia: quanti litri di acqua gettate al vento ogni giorno lasciandola scorrere mentre vi insaponate? Mettere in atto queste due piccole azioni non richiede quasi alcuno sforzo se non quello di azionare dei rubinetti!

  4. LAVARE I PIATTI - Tranne rari casi in cui ho a cena gli amici e quindi siamo in tanti a tavola (caso in cui uso la lavastoviglie e la relativa pasticca-detersivo), non ho mai usato detersivi lavapiatti in vita mia: normalmente scolo la pasta con il lavello chiuso e a fine pasto lavo le stoviglie con l'acqua di cottura che, devo dire, deterge in maniera magnifica.

  5. RACCOLTA DIFFERENZIATA - E' vero, spesso sono i comuni di residenza (il mio rientra tra questi) ad imporcela, ma un conto è farla tanto per fare (e gettando continuamente nell'indifferenziata anche cose che andrebbero separate) mentre un altro è eseguirla in maniera attenta e scrupolosa.

(Il Conte in Toscana)

ArgentarioGiunti a questo punto della storia una verità voglio rivelarvela. Quando parlate con una persona state attenti a non commettere mai l'errore di pensare che le apparenti esagerazioni di un matto siano false e le parole di una persona che sembra normale siano sincere perché è semmai vero il contrario: un matto non usa il cervello ma in compenso tutto ciò che dice gli arriva alla bocca direttamente dal cuore, mentre il demonio si nasconde dietro la maschera del presunto normale che parla con voce aggraziata.

Mai pesare le parole attraverso i vostri pregiudizi. Che sia impresso a fuoco nelle vostre menti: è più sincero un pazzo innamorato che si scapicolla a velocità insostenibile lungo le vie dell'amore di chi su quelle medesime strade passeggia in modo rassicurante rispettando le precedenze e i semafori rossi.

E adesso potete pure affondare tra bastioni resi tetri dalla nebbia autunnale, canali melmosi e luci disorientanti che ammaliano in lontananza.

(Il Conte in Toscana, 16 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

cucina gourmetVi racconto le 5 regole che seguo (da quando mi alzo la mattina fino a quando vado a letto la sera) per vivere serenamente e godermi la vita nel modo migliore che uno possa fare.

  1. ALIMENTAZIONE - Imparate a mangiare sano: il visico ne trarrà immediato beneficio e, di conseguenza, anche la mente e lo spirito. Dite che costa troppo? Vi svelo una cosa: i cibi che fanno bene al nostro organismo sono quelli meno costosi (legumi, frutta, verdura, cereali) mentre quelli che fanno - se mangiati troppo frequentemente - male sono quelli più costosi (carne, affettati, merendine, patatine e "troiai" vari come si dice in Toscana). Anziché bere tutti i giorni una birra da un euro, bevetevi una volta la settimana una buona birra artigianale. Anziché bere tutti i giorni vini da un euro, acquistate una volta al mese una bella bottiglia di Brunello di Montalcino e gustatevela con la vostra dolce metà: ne gioverete entrambi. Anziché andare a mangiare tutti i sabato sera in una trattoria da 30 euro a persona mettete quei soldi da parte e andate una o due volte in ristoranti da 50/60 euro a persona: non che tutti i ristoranti cari siano migliori, ci mancherebbe, a volte si mangia meglio in posti da battaglia (ve ne suggerirà qualcuno anche io) ma se imparate a selezionare i locali in base alla qualità (internet in questo aiuta moltissimo) troverete dei posti fantastici e vivrete esperienze enogastronomiche meravigliose.

  2. AMBIENTE - Rispettate l'ambiente e la natura che vi circonda. Evitate di gettare dal finestrino dell'auto sigarette e cartacce come cialtroni senza cervello, mettete in pratica piccole azioni quotidiane atte a ridurre l'inquinamento (io per esempio non ho mai usato in vita mia i detersivi lavapiatti: da sempre lavo le stoviglie con l'acqua calda della cottura della pasta), trattate con gentilezza gli animali. Ricordatevi che mancare di rispetto alla natura è una mancanza di rispetto prima di tutto nei confronti di voi stessi e soprattutto dei vostri figli.

  3. APPAGARE SE STESSI - A cosa serve accumulare ricchezza se non appagate mai voi stessi? Non voglio dire che dobbiate sperperare interamente il vostro stipendio o acquistare cose inutili solo per il gusto di "spendere", ovviamente una persona intelligente mette sempre da parte qualcosa ogni mese. L'essere umano però vive anche e soprattutto di emozioni e se voi passate la vita ad andare a lavorare solo per avere a disposizione il cibo standardizzato del supermercato, la benzina per l'utilitaria con cui andate al lavoro o per comprare il biglietto per la partita di calcio della domenica non ne uscirete mai "emozionalmente vivi". Quindi: un paio di volte l'anno andate a mangiare in uno di quei ristoranti dove si spendono 100 euro a persona (ne godrete fisicamente ma anche mentalmente: ho visto piatti che sono opere d'arte...), andate una volta al mese ad una mostra d'arte (non dite che non potete permettervelo economicamente perché i cinque euro per giocare al lotto li trovate tutte le settimane e quelli sì, sono soldi buttati via), frequentate un'associazione cinematografica: insomma, cercate di appagare quelle che sono le vostre passioni personali (siano esse la musica, il teatro o qualsiasi altra cosa) e fatelo in maniera frequente. Non fatevi risucchiare dalla routine quotidiana nascondendovi dietro alla scusa dei figli piccoli, del partner geloso o della mancanza di soldi: sono solo giustificazioni fasulle dietro cui si nasconde la vostra mancanza di volontà e di coraggio.

  4. LETTURA - Lasciate perdere internet: la maggior parte delle informazioni che circolano in rete sono puttanate scritte da qualcuno che sta cercando di approfittare di voi per vendervi qualche prodotto o per guadagnare attraverso la pubblicità generata dai vostri click. Leggere significa leggere: i classici, o almeno libri che abbiamo un minimo di spessore culturale: il che non significa per forza La Divina Commedia o I promessi Sposi, vanno bene anche Italo Calvino e Kafka. Persino i racconti di Andrea Camilleri sul commissario Montalbano. Però, per piacere, non posate la vita nemmeno con la coda dell'occhio su romanzetti rosa o "libri" su come arricchirsi. Iniziate ad informarvi su attualità, economia e politica: su quotidiani affidabili come Il Sole 24 Ore, non attraverso giornaletti che vi regalano alla fermata del tram. Leggere, leggere, leggere: la lettura è l'arma fondamentale che avete nella vita per difendervi dagli altri, siano essi truffatori, politici incompetenti o imprenditori senza scrupoli. Se qualcuno nella vita vi "frega" la colpa è solo e soltanto vostra: non avete letto abbastanza.

  5. PENSARE POSITIVO - Mi sono sempre domandato a cosa serva lamentarsi. La gente si lamenta continuamente: del prezzo della benzina, delle tasse, del lavoro... di qualsiasi cosa. La domanda fondamentale da farsi è: serve a qualcosa? Che vi lamentiate o meno il prezzo della benzina resta quello, le tasse vanno comunque pagate, il vostro lavoro non cambia (a meno che, anziché lamentarvi, non mettiate in atto azioni volte a trovarne uno migliore, per esempio inviando curriculum a potenziali datori di lavoro o cercando di sviluppare in proprio una personale idea imprenditoriale). Lamentarsi non ha nessuna utilità: non risolve niente e, anzi, peggiora le cose perché aumenta attorno a voi ansia e stress e questo si ripercuote su di voi sia fisicamente che mentalmente. L'unica cosa da fare quindi è cercare il lato positivo in ogni cosa e, se non c'è, pensare ad altro.

(Il Conte in Toscana)


Si avvisa il lettore che quanto pubblicato sul sito www.ilconteintoscana.it è frutto di libere interpretazioni amatoriali ed ha pertanto puro scopo narrativo non intendendo sostituire in alcun modo pareri medici e/o di professionisti del settore che sono gli unici a poter garantire corrette indicazioni alimentari, dietetiche e/o terapeutiche. In nessun caso gli autori dei contenuti pubblicati su www.ilconteintoscana.it possono in alcun modo ritenersi responsabili per qualsiasi eventuale danno anche solo collegabile all'uso di tali contenuti. In nessun caso garantiamo la correttezza delle informazioni contenute sul sito né l'assenza di errori.

SEGUI IL CONTE SU FACEBOOK